Ritratto: cinque consigli per realizzarlo al meglio

Il ritratto è una tecnica fotografica che focalizza l’attenzione sul volto del soggetto. A prima vista, sembrerebbe essere una fotografia abbastanza semplice da realizzare, ma in realtà nasconde molte insidie.
Ecco allora cinque utili consigli per realizzarlo al meglio.

1 – Obiettivi da utilizzare
Avete mai provato a fare un ritratto con un grandangolo? Be’ vi posso assicurare che, a meno che non vogliate ottenere particolari effetti, è altamente sconsigliato farlo a causa della distorsione introdotta da questi obiettivi. In generale, per i ritratti è consigliabile utilizzare un teleobiettivo medio, dagli 85mm in su. Gli obiettivi più utilizzati sono appunto gli 85 e i 105, ma si può arrivare tranquillamente anche a 200mm. Come apertura, inutile dire che più è ampia e meglio è! Quindi f/1.4, f/2.8 sarebbero l’ottimale… ma vi assicuro che con una focale lunga, anche un f/4 o f/5.6 può darvi delle belle soddisfazioni.

Sala di Posa Firenze2 – L’importanza degli occhi
Gli occhi sono tutto (o quasi) in un ritratto. Catturare lo sguardo del soggetto è fondamentale, ma non è tutto. A volte anche uno sguardo non diretto in camera può essere di grande effetto. L’importante però è che gli occhi siano perfettamente a fuoco. Quindi, quando scattate un ritratto, puntate agli occhi per mettere a fuoco e casomai ricomponete l’immagine subito prima di scattare.

3 – Gestite bene la luce
Tra i classici problemi delle foto di ritratto ci sono le fastidiose ombre sul viso e i piccoli difetti della pelle accentuati dalla forte luce diretta. Per ovviare a questo è necessario utilizzare una luce diffusa, in modo che essa vada a illuminare correttamente il viso, senza però evidenziarne le piccole imperfezioni. Per farlo è consigliabile utilizzare dei pannelli riflettenti, i classici ombrellini da studio o i diffusori per luce flash; ma ovviamente ci sono anche i metodi “fai da te”, come ad esempio utilizzare la tenda (bianca!) di casa per ottenere un effetto soffuso sulla luce che entra dalla finestra.

??!!4 – Attenti all’espressione del soggetto
Un elemento fondamentale della fotografia di ritratto è l’espressione del soggetto. Si dice che il compito del fotografo, in questo caso, sia quello di cogliere l’aspetto più naturale possibile. E in effetti è così, anche se ovviamente esistono le dovute eccezioni. In generale, una tecnica comune, è quella di dialogare con il soggetto. Cercate di non lasciarlo mai solo, in silenzio, davanti all’obiettivo; provate invece a chiedergli informazioni su di lui, sul suo lavoro… a scherzare con lui per ottenere un sorriso il più naturale possibile. Soprattutto con i bambini, questo tipo di approccio è fondamentale!

5 – I capelli
I capelli sono un dettaglio spesso trascurato. Prima di tutto, dovremmo fare attenzione ad illuminarli correttamente, magari con una luce posta alle spalle del soggetto, per renderli più luminosi. Ma la cosa fondamentale, a cui si deve prestare la massima attenzione, sono i capelli sul viso. Spesso ce ne accorgiamo solo nella fase di post produzione, cioè tardi! Sì, lo so, con Photoshop si fa tutto. Ma ammettiamo di avere fatto un shooting di cui avete ricavato circa 50 foto. Ora le andate a vedere e ne trovate 20 dove il soggetto è perfetto, se non per il fatto che ha un capello davanti a un occhio o sul naso. Quanto tempo vi occorre per toglierlo? O meglio, non sarebbe stato più efficace controllare prima di scattare che il soggetto avesse il viso “pulito”?

Ovviamente ci sarebbero molte altre cose da dire sull’argomento, ma per ora mi fermerei qua; spero che queste poche indicazioni possano già esservi di aiuto… alla prossima!

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblr

  2 comments for “Ritratto: cinque consigli per realizzarlo al meglio

  1. 4 ottobre 2011 at 14:09

    Grazie per i suggerimenti ne farò tesoro, visto che sono alle primissime armi con una reflex.Gilda

Comments are closed.