Utilizzare la messa a fuoco manuale (assistita) | Tutorial

L’utilizzo della messa a fuoco in manuale, soprattutto per chi si è approcciato alla fotografia direttamente con il digitale, viene spesso sottovalutato. In realtà però ci sono molte situazioni in cui sarebbe opportuno, se non obbligatorio, disattivare questo automatismo e affidarci a noi stessi per una migliore messa a fuoco del soggetto. Per esempio, quando siamo in situazione di scarsa luminosità l’autofocus potrebbe “sbagliare” o non funzionare affatto. Ma ci sono altre situazioni “difficili”, come la nebbia per citarne una. Oppure… avete mai provato a mettere a fuoco un soggetto da dietro una vetrata? Anche in queste occasioni sarebbe opportuno passare in manuale. E allora vediamo prima di tutto come fare.

Passare da autofocus a manuale è semplice, basta spostare l’apposito tasto presente sull’obbiettivo della fotocamera da AF (auto focus) a MF (manual focus).

A questo punto, se premiamo a metà il tasto di scatto, noteremo che la messa a fuoco non verrà più effettuata, ma dovremo essere noi a sistemarla girando l’apposita ghiera dell’obbiettivo.

Però abbiamo anche qui la possibilità di avere comunque un piccolo aiuto dall’autofocus… Infatti, mentre ruotiamo lentamente la ghiera per mettere a fuoco il nostro soggetto, noteremo che a un certo punto si illumineranno uno o più punti AF nel mirino: questo vuol dire che in quel momento quei punti sono a fuoco. 

Perchè questo funzioni, si dovrà settare la fotocamera per la messa a fuoco automatica e non per esempio a zona o sul singolo punto AF. Ma su questo torneremo in un prossimo post dedicato appunto alla messa a fuoco automatica…

Facebooktwitterpinterestlinkedintumblr