Conversione da negativo a digitale | Tutorial fai da te di Paulo Ricca

Il problema è quello di trasferire in file digitale delle foto che abbiamo solo sotto forma di negativo analogico. Non diapositiva, proprio la classica striscia del negativo. Ovviamente ci potremmo anche rivolgere a un laboratorio specializzato ma facendo da soli potremmo ottenere un risultato che più ci soddisfa, magari anche risparmiando qualche soldo.

Il suggerimento di Paulo Ricca è quello di non utilizzare uno scanner per negativi, in quanto quelli di buona qualità costano molto e, se il nostro problema è quello di digitalizzare solo poche foto, allora non conviene di certo acquistarlo. Allora come si può fare?

PREPARAZIONE

La tecnica, in poche parole, è quella di fotografare il negativo con la nostra reflex e poi di elaborarlo in Photoshop (o in un altro software di postproduzione) per riportare la foto ai colori originali. Quindi avremmo bisogno di:

  • Fotocamera Reflex Digitale (DSLR)
  • Obiettivo Macro
  • Una sorgente di luce artificiale, possibilmente un Flash controllato da remoto
  • Una tavola bianca semi trasparente, tipo tagliere di plastica (farà da diffusore)
  • Pezzo di cartone o cartoncino robusto
  • Scatola rettangolare in cartoncino, per esempio la confezione di un profumo o di una crema (servirà da snoot, cioè per incanalare la luce del flash)
  • Pinze per tenere fermo il tutto
  • Ovviamente un PC per la postproduzione
.   . .   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   .
Ecco la nostra struttura montata…
.   . .   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   .
Il flash viene posto dietro al negativo e al pannello bianco, a circa 30cm di distanza,
utilizzando la confezione di cartone per distanziare il flash e incanalare la luce verso il negativo.

SCATTO

Ora montiamo la fotocamera davanti al negativo e seguiamo le seguenti impostazioni:
  • impostare la messa a fuoco manuale
  • impostare il bilanciamento del bianco su fluorescente o incandescente (o comunque su colore più caldo possibile
  • impostare gli ISO sul valore minimo, di solito 100.
  • passare al programma Manuale (M) e impostare l’apertura f/8 e il tempo a 1/125 di secondo
  • se siete in grado di regolare in modo manuale anche il Flash, impostatelo su una potenza media
  • impostate il formato immagine su RAW o RAW+JPG
.   . .   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   .
Ora siamo pronti a scattare e quello che otterremo sarà una foto simile a questa:
.   . .   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   ..   .

POSTPRODUZIONE

A questo punto passiamo alla parte di postproduzione. Qui possiamo usare diversi software, non necessariamente Photoshop, ma anche Photoshop Elements o Lightroom (ma anche altri).
La prima cosa da fare è quella di ritagliare la foto, eliminando i bordi neri. Potremmo anche optare per lasciarne una parte visibile per fare da cornice, ma questo è a vostra discrezione.
Avendo a che fare con un negativo, è ovviamente necessario prima di tutto riportare la foto in positivo. Quindi in Photoshop invertiamo i colori selezionando prima tutta l’immagine e poi premendo Ctrl-X (scelta inverti da menu immagine). In Lightroom 4 è invece possibile invertire i colori agendo sulla Curva di Viraggio; è sufficiente spostare in alto il punto che si trova in basso a sinistra e poi spostare in basso quello se trovain alto a destra. La curva dovrebbe così apparire quasi come una linea retta in discesa (vedi sotto).
A questo punto agiamo sulla regolazione del Bilanciamento del Bianco; anche usando la scelta auto potremmo già avere dei buoni risultati. Altrimenti cerchiamo una regolazione manuale che più si avvicini ai colori originali.
Adesso non ci rimane altro che lavorare sul contrasto, magari provando ad agire sui singoli canali (Rosso, Verde e Blu).
A questo punto dovremmo aver finito e, se tutto è andato bene, il risultato dovrebbe essere una foto del tutto simile a una scattata direttamente con la nostra fotocamera.

Il tutorial completo in inglese è disponibile a questo indirizzo:
http://pauloricca.com/index.php?a=blog&idpost=24

Facebooktwitterpinterestlinkedintumblr

  2 comments for “Conversione da negativo a digitale | Tutorial fai da te di Paulo Ricca

  1. tuttoleo
    9 luglio 2012 at 15:34

    Ciao Willy,
    io (autore del blog) ho ripreso e liberamente tradotto un articolo di Paulo Ricca… tra l’altro io sono pure Canoniano, quindi non so esserti d’aiuto sulla domanda che hai posto…

    Link al post originale:
    http://www.flickr.com/photos/tuttoleo/7284994554/

    Alla prossima!

  2. willy g.colombini
    7 luglio 2012 at 15:41

    CARISSIMO PAOLO,FACCIO FOTOGRAFIA DA UNA VITA FIN DAL 1962 CON LA MIA PRIMA MACCHINA FOTOGRAFICA UNA LAIKA.EBBENE SI NON SONO GIOVANE MA LO SONO NEL MIO CERVELLO E LE NOVITA’ TECNICHE MI AFFASCINANO.LA MIA FEFLEX E’ UNA NICON D 300 E VORREI SAPERE PRIMA DI LEGGERE IL MANUALE LE IMPOSTAZIONI CHE MI CONSIGLI,MESSA A FUOCO,ESPOSOZIONE,ECC.SE POSSIBILE VORREI VISIONARE UN TOUTORIA PER LA 300 IN ITALIANO.NEL RINGRAZIARTI ANTICIPATAMENTE TI MANDO I MIGLIORI AUGURI E RINGRAZIAMENTI.SALUTI WILLY

Comments are closed.