Fotografare i neonati | Vi presento Sara

Come promesso oggi vi presente la nuova arrivata, Sara. E come presentarla se non con delle foto che ne documentano i primi due mesi di vita? Ecco allora qualche consiglio su come eseguire questo tipo di immagini, seguito ovviamente da qualche mio scatto.

Lo sfondo

Questi scatti sono tutti stati fatti in casa e non in studi fotografici o sale di posa. Per ottenere il massimo effetto ho sfruttando cuscini, lenzuola, teli e tende bianche (o comunque di tinte unite) in modo da ottenere così sfondi neutri, adatti al tipo di scatti che avevo in mente.

A tutta apertura

Per queste foto ho usato obbiettivi molto luminosi, anche un 85mm f/1.2. Ma non spaventatevi, una buona lente (molto più economica) che ho sfruttato è stato anche il famoso “cinquantino“, ovvero il 50mm f/1.8. Lavorando alla massima apertura di 1.8 si ottiene già un bell’effetto sfocato, a patto di stare attenti che la messa a fuoco sia sempre sugli occhi!

Dettagli

Oltre ai primi piani, potete sbizzarrirvi sui dettagli. Fotografare mani e piedi dei neonati è davvero un classico. In questo caso, data anche la vicinanza tra fotografo e soggetto, per ottenere un buon effetto non è necessario lavorare per forza alla massima apertura. Basta anche una apertura di f/4 o f/5.6, mettendo a fuoco magari la mano, per ottenere un bello scatto.

IMG_3828

Sovraesposizione

In generale, per esaltare la pelle liscia dei neonati e ottenere foto luminose, dove la luce la fa da padrone, è utile, già in fase di scatto, sovraesporre un po’ la foto. A questo proposito vi consiglio la lettura di questo altro mio articolo: tutorial sovraesposizione.

Per esempio, questa foto dove tengo Sara sospesa sulla mano, è stata fatta davanti a una finestra in pieno giorno, sovraesponendo l’immagine di 2 stop. Ovviamente c’è anche un minimo di post-produzione; ma così facendo, già nella foto originale era presente uno sfondo quasi del tutto bianco.

IMG_3796

Post-produzione

Non ci sono grandi ritocchi e “trucchi” in queste immagini. L’effetto più fortemente applicato e utilizzato in questi scatti è principalmente il soft focus (o effetto flou che dir si voglia). In questo caso l’ho applicato in post-produzione, utilizzando soprattutto la funzione “chiarezza” di Lightroom.

Tutte le foto

 

Facebooktwitterpinterestlinkedintumblr