Visto che l’ultimo dell’anno si avvicina e che l’evento presenta una bella “occasione fotografica”, ecco alcuni consigli per fotografare i botti di capodanno. Prima di tutto i settaggi indicati per la macchina: ISO = tra 100 e 200 Bilanciamento del bianco = Tungsteno / Incandescenza (circa 2800K) Formato immagine = se possibile, scattare in RAW Apertura diaframma = tra f/8 e f/16 Tempo = tra 1 e 16 secondi Come obbiettivo, (anche se la tentazione iniziale potrebbe essere quella di zoomare sui fuochi) è consigliato un grandangolare, in modo da poter inquadrare una scena più ampia, catturando magari più fuochi nella stessa immagine. Inoltre, utilizzando tempi un po’ più lunghi, si possono ottenere effetti molto particolati scattando appena si vedeRead More →

Forse non tutti sanno che esiste una versione gratuita di Adobe Photoshop! Si chiama Adobe Photoshop Express Editor e la potete utilizzare online dal sito http://www.photoshop.com/; in pratica si esegue l’upload dell’immagine, la si modifica a piacere, dopodiché è possibile salvarla nuovamente sul proprio PC. Ovviamente è una versione del software ridotta nelle sue funzionalità, molto ridotta direi… Secondo me però può comunque risultare utilie in quanto comprende alcune caratteristiche di correzione dell’immagine che sono di frequente utilizzo, quali ad esempio il ritaglio, correzioni di saturazione, contrasto, esposizione e bilanciamento del bianco… Ho però trovato anche un ottimo software concorrente: si chiama Pixlr ( http://pixlr.com/editor/). Mi sembra che sia più immediato e soprattutto più ricco di funzioni. Attendo i vostriRead More →

Con l’avvento del digitale e soprattutto delle reflex e mirrorless di fascia media, si parla sempre più spesso di “rumore” e (sbagliando!)  si tende sempre a spulciare ogni singola immagine in cerca di foto perfette, al massimo della nitidezza. Qui vi indico alcuni articoli trovati in rete per approfondire l’argomento: – http://www.spaziomac.it/guide-e-tutorials/altre-guide-generiche/729-guida-il-rumore-nella-fotografia.html – http://www.abc-fotografia.com/abc/neatimage.htm – http://www.mixyourshot.com/2010/06/come-ridurre-il-disturbo-delle-fotografie-digitali-scattate-ad-alti-iso/ – http://www.nadir.it/tecnica/RUMORE_2/rumore.htm Noi sappiamo che di norma si dovrebbe tenere sempre il valore (o velocità) ISO il più basso possibile, proprio per evitare un effetto “grana” sulla foto; ma è anche vero che ogni regola è soggetta a deroghe! In effetti, in alcune occasioni, è invece molto comodo utilizzare la macchina in Av (priorità di apertura del diaframma) o anche M (in manuale) regolando tempi eRead More →

Quando si parla di come fotografare la Luna, la prima cosa a cui si fa riferimento è la regola del 16/ (o dell’11/). Questa regola ci insegna che, se vogliamo fotografare qualcosa che è illuminato direttamente dalla luce del Sole (e la Luna lo è!), dobbiamo utilizzare un’apertura del diaframma pari a 16 o 11 e un tempo di esposizione pari a 1/ISO. Nel nostro caso il tempo di esposizione non dovrà essere molto lungo; la Luna infatti, per effetto della rotazione terrestre, si muove in cielo e di conseguenza con tempi lunghi, anche se sembra impossibile, si rischierebbe il mosso nella foto! Quindi diciamo che potremmo impostare ISO 100 (così eviteremo anche il problema del “rumore”) e di conseguenzaRead More →

Noi forse non ci facciamo caso, ma quando guardiamo un paesaggio, riusciamo a percepire senza sforzo tutti i dettagli sia del cielo che della terra, o del mare. Ma se scattiamo una foto, questo non avviene quasi mai e riusciremo a esporre bene solo alcune zone, mai tutta l’immagine nel suo complesso; otterremo così come risultato finale un cielo azzurro brillante ma una terra molto scura o magari, al contrario, il terreno ben esposto ma un cielo molto chiaro, sovraesposto. La fotografia HDR, in origine, è nata proprio per superare questa evidente difficoltà di riprodurre da parte di qualsiasi macchina fotografica (analogica o digitale che sia) tutto lo spettro luminoso e le diverse tonalità che invece i nostri occhi percepisconoRead More →