Differenza fra Vividezza e Saturazione

Alcuni software di fotoritocco, tra i quali Adobe Lightroom, mettono a disposizione, tra le molteplici possibilità di modifica di un’immagine, quella di agire su Vividezza e Saturazione.

I due comandi, simili tra loro, agiscono entrambi sui colori presenti nell’immagine. Esiste però una sostanziale differenza fra i due:  la Saturazione interviene in modo uniforme su tutti i colori presenti nella foto, mentre la Vividezza agisce in modo “mirato” su quei colori mediamente meno saturi nell’immagine di base, influenzando un po’ meno quei colori che risultano già saturi abbastanza in partenza.

Vediamo un esempio pratico partendo da questa immagine di base.

Andiamo ora ad agire sulla saturazione portandola prima a +70 e poi a -70… ovviamente avremo una foto molto satura di colori (anche troppo!) nel primo caso e quasi in bianco e nero nel secondo.

Invece, se agiamo sulla vividezza portando quest’ultima prima a +70 e poi a -70, vediamo come l’effetto ottenuto sia leggermente diverso, soprattutto sul tetto della casa e sull’albero a destra.

Utilizzando le due regolazioni in modo combinato, noteremo come la vividezza risulti utile nelle foto di ritratto, in quanto riesce ad agire bene sui colori dell’immagine (sfondo, abiti e occhi del soggetto), evitando però una saturazione eccessiva del viso e della pelle. Inoltre, sempre agendo sulla vividezza, si possono ottenere effetti di invecchiamento della foto, tipo “vintage“.

Per un esempio pratico applicato in Lightroom a foto di ritratto, potete leggere questo articolo:
http://www.lightroomcafe.it/lightroom/la-differenza-tra-vividezza-e-saturazione/

Facebooktwitterpinterestlinkedintumblr