Ogni azienda lo chiama in modo diverso, ma tutti promettono più o meno la stessa cosa. Che sia OS (Sigma: Optical Stabilizer), IS (Canon: Image Stabilizer) o VR (Nikon: Vibration Reduction) il suo scopo è quello di farvi scattare immagini nitide anche utilizzando tempi più lenti. E funziona davvero! Ma attenzione… non dobbiamo aspettarci prestazioni superiori a quelle promesse, che oltretutto sono di per sé spesso già molto ottimistiche. Vediamo allora di analizzare alcuni luoghi comuni che spesso si sentono in giro e che non sempre corrispondono al vero. Lo stabilizzatore aiuta a non avere più immagini sfocate Si deve fare attenzione a non confondere il mosso con lo sfocato. Lo stabilizzatore è un meccanismo che aiuta a diminuire le impercettibili vibrazioni a cuiRead More →

1. PREMESSA Per ottenere il massimo della nitidezza dalle vostre immagini, l’utilizzo del treppiedi è fondamentale, se non obbligatorio. Nonostante questo, essendo il cavalletto un accessorio ingombrante e a volte anche molto pesante da portarsi dietro, tendenzialmente non lo si utilizza quasi mai. E spesso questo è uno sbaglio. Ora, non voglio certo che vi precipitiate subito a comprarne uno; non è detto che faccia al caso vostro. Quindi cerchiamo prima di approfondire e capire meglio l’argomento. 2. EVITARE IL MOSSO E IL MICRO-MOSSO Evitare il mosso è forse la principale funzionalità di un treppiede. In questo mio precedente post ho parlato di come evitarlo anche scattando a mano libera ma, se ne abbiamo la possibilità, l’utilizzo del cavalletto risulterà assai più efficace.Read More →

A cosa serve lo Stabilizzatore Ottico di Immagine Lo scopo dello stabilizzatore è quello di ovviare ai piccoli movimenti che possiamo involontariamente compiere durante uno scatto e che, anche se impercettibili, possono andare ad influenzare il risultato finale creando ad esempio un effetto di micro-mosso nell’immagine. Quando si usa Si intuisce che il sistema di stabilizzazione è utile quando montato su teleobiettivi medio-lunghi (dai 100mm in su) in quanto un piccolissimo movimento oscillatorio della fotocamera produce un più ampio movimento sull’immagine di un soggetto molto distante da noi; ma in realtà l’IS risulta funzionale anche su focali più corte, quando usate per esempio in condizioni di scarsa illuminazione e di conseguenza con tempi più lunghi. Quando non deve essere utilizzatoRead More →