A ognuno il suo backup! Partiamo subito dal presupposto che (ahimè!)  è praticamente impossibile proteggere al 100% le nostre foto. Non per nulla si dice che il mondo dei fotografi sia diviso in due: quelli che hanno perso delle foto e quelli che le perderanno!  Diciamo però che possiamo partire con l’essere ad alto rischio di perdita dei dati, passando a un rischio medio, fino ad arrivare a un rischio molto basso. E ovviamente in questo caso la prima domanda da porsi è: “Quanti soldi e quanto tempo voglio spendere per mettere al sicuro le mie foto?” Configurazione minima del PC (Windows/Mac) Per diletto | Fotografie di famiglia e vacanze Tenete le foto su un disco esterno e lavorate direttamente su quello. Il lavoroRead More →

GIMP (GNU Image Manipulation Program) è un software gratuito di elaborazione delle immagini, disponibile per Windows, Mac e Linux. Da quello che si sente in giro, viene decisamente snobbato da chi già lavora con Photoshop (PS) ritenendolo un prodotto di molto inferiore o addirittura nemmeno paragonabile a quest’ultimo, senza però menzionare il fatto che spesso chi lo dice utilizza una copia pirata del software di Adobe! Se si dedicasse un po’ più di tempo ad analizzare GIMP (si legge “ghimp”) in realtà si scoprirebbe subito che ciò che normalmente un fotografo amatoriale esegue in PS lo si ritrova facilmente anche qui, con il vantaggio di non dover spendere soldi in abbonamenti o di doversi scaricare software pirata, crack, ecc. conRead More →

Cos’è Replichrome? Sostanzialmente si tratta di un plug-in per Lightroom e Adobe Camera Raw, disponibile sia per Mac che per Windows, specializzato nel replicare nelle vostre foto digitali gli effetti che si avevano utilizzando la pellicola. Utilizzo Una volta installato Replichrome, vi troverete subito i diversi preset a disposizione in Lightroom. Vi basterà quindi scegliere la foto da modificare e cliccare su uno dei preset per ottenere l’effetto desiderato, come ad esempio un classico bianco e nero Kodak BW 800N. Ovviamente, se tra i preset non trovate la soluzione di vostro gradimento, potrete sempre rimettere mano alla foto utilizzando i classici strumenti messi a disposizione da Lightroom. Altre informazioni Elenco di tutte le pellicole simulate: http://www.gettotallyrad.com/replichrome/breakdown/ Costo: $99.00 Recensione (in inglese): http://www.photographyblog.com/reviews/replichrome_review/ Sito ufficiale: http://www.gettotallyrad.com/replichrome/Read More →

Luminance HDR, conosciuto anche con il nome del progetto “qtpfsgui”, è un software gratuito e open source per la realizzazione di immagini HDR. Questo software, disponibile anche in italiano, ha una discreta gamma di funzionalità, sia durante la fase di “fusione” delle diverse immagini, sia per quanto riguarda la mappatura dei toni. Luminance HDR è in grado di leggere i principali formati di immagini, compreso ovviamente il JPEG, ma è in grado di utilizzare come fonte anche file di tipo RAW. Allo stesso modo, il risultato finale può essere salvato in diversi formati, da JPEG a TIFF (sia a 8 bit che 16 bit per canale), così da poter essere eventualmente rielaborato con altri software di post produzione. Non sono molto espertoRead More →

Fino a poco tempo fa, tra i possessori di fotocamere Canon, spopolava un software chiamato “EOSInfo” il quale permetteva di collegarsi alla fotocamera e di leggere alcune informazioni in essa contenute, tra le quali una delle più ambite era il numero di scatti effettuati. Questo software però non è stato più aggiornato negli ultimi anni e di conseguenza sugli ultimi modelli Canon non funziona. A differenza di altre marche (come ad esempio la storica concorrente Nikon) che inseriscono questa informazione nei dati EXIF delle foto e che di conseguenza rendono facilmente leggibile il numero di scatti da qualsiasi software in grado di leggere queste informazioni (ne esistono a decine), Canon ancora oggi “nasconde” questa informazione all’interno delle sue fotocamere e non laRead More →

Con questo potente software, disponibile gratuitamente per utenti Windows e Mac, sarete in grado di lavorare in modo molto semplice e intuitivo sulle vostre immagini. Tra le principali funzionalità troverete la possibilità di gestire più layer, inserire bordi e texture e applicare una miriade di effetti scenografici alle vostre foto. Il tutto con pochi click.   Una delle novità di questa ultima versione è la presenza di un “pennello” che facilita la selezione della porzione di immagine dove applicare l’effetto selezionato. In questo video ne vediamo un esempio pratico. PE4F Perfect Brush from onOne Software on Vimeo.   Sito ufficiale e download gratis: http://www.ononesoftware.com/products/perfect-effects-free/Read More →

Questo divertente software permette di generare una foto in stile “polaroid” partendo da una qualsiasi foto jpeg. Una volta installato il software vi troverete una macchina Poladroid sul desktop. Premete sul pulsante blu per scegliere la vostra foto da convertire e il gioco è fatto. In pochi istanti, sul vostro desktop, vi ritroverete una splendida foto polaroid, con tanto di simulazione dello sviluppo! Volendo ci sono anche alcune opzioni per personalizzare la cartella di destinazione delle immagini e come si desidera che venga applicato l’effetto alla nostra immagine. Ecco qualche esempio che ho fatto con alcune mie foto. A sinistra la foto originale e a destra la poladroid…     Ora tocca a voi! Free download: http://www.poladroid.net/Read More →

Adobe Lightroom

Con Adobe Lightroom 4 è possibile creare degli interessanti video di presentazione delle proprie foto, inserendoci una colonna sonora di sottofondo e pubblicando poi il tutto sul Web. Sicuramente non dispone di una vasta gamma di effetti (come ad esempio potreste trovare in programmi specifici come Photodex ProShow), però se state già utilizzando Lightroom per altri scopi e avete la necessità di creare uno Slideshow, vi consiglio di provare questa funzionalità prima di andare a cercare altrove. Se non avete particolari esigenze, potrebbe proprio fare al caso vostro. Ecco quindi un video che ne spiega l’utilizzo, davvero semplice.Read More →

Durante la fase di importazione delle immagini all’interno del catalogo di Lightroom, è presente una voce molto importante che però viene spesso sottovalutata. La voce in questione è presente in alto a destra nel pannello “Gestione File” ed è relativa al tipo di rendering delle anteprime. La scelta effettuata in questo pannello avrà effetto principalmente su tre aspetti: la durata dell’operazione di importazione, le dimensioni del catalogo di Lightroom e la velocità di visualizzazione delle immagini. Infatti, più dettagliate saranno le anteprime e più rapida sarà la visualizzazione; ma, allo stesso tempo, i relativi file che Lightroom salverà nel suo catalogo, saranno più grandi occupando così in poco tempo anche diversi Gigabyte di spazio su disco e rallentando l’operazione di importazione. VediamoRead More →